Il Design Italiano oltre le crisi

Back to Articoli

Il Design Italiano oltre le crisi

 

Dal 4 Aprile 2014 al 22 Febbraio 2015, a Milano sarà possibile recarsi presso il Museo di Design della Triennale che,  giunto alla sua settima edizione, vede ospitare una mostra espositiva davvero originale. Il tema cardine è quello dell’autosufficienza produttiva, affrontato in tre periodi storici fondamentali: gli anni Trenta, gli anni Settanta e gli anni Zero. L’idea che si vuole sostenere è quella secondo cui negli anni di crisi economica, la fantasia e la creatività dell’uomo diventi più feconda e quindi si riescano a ideare opere esemplari a basso costo.

 

t3ok

 

Questa raccolta di manufatti vuole distaccarsi dalla classica idea di “Design Italiano” che tutti noi abbiamo. Viene messo in scena una sorta di racconto, cronologicamente ordinato, dove prendono voce diversi protagonisti della storia artistica Italiana, che hanno saputo creare nuovi linguaggi e nuove modalità produttive. Inoltre, ogni tappa del percorso è caratterizzata da un focus specifico su di un materiale, che viene utilizzato e lavorato nei modi più disparati, per creare oggetti molto diversi tra di loro.

 

t11ok

 

Tutti gli spazi che ospitano la mostra, sono stati allestiti utilizzando materiali inediti come il metallo e l’OSB (composto da pezzi di legno di pioppo). Gli elementi dell’allestimento dialogano con lo spazio preesistente, avvolgendo il visitatore in una sorta di paesaggio che cambia in ogni stanza del percorso rievocativo. Tuttavia questa linearità cambia in corrispondenza degli anni Settanta , dove gli oggetti sono disposti in modo confuso, quasi come se volessero comunicare  un senso di cambiamento e perdita di coordinate.

 

t8ok

 

Il Museo della Triennale si dimostra come uno spazio dinamico e innovativo, che offre percorsi inediti che trasmettono emozioni e raccontano una storia. Non resta che andare a visitarlo e lasciarsi trasportare in un mondo parallelo da questo organismo in continua evoluzione.

 

t10ok

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Articoli