Efesti consiglia: RAID – Sfornare Mondi

Back to Articoli
RAID

Efesti consiglia: RAID – Sfornare Mondi

Dopo il successo del primo anno, Venerdì 31 marzo andrà in onda a Milano la seconda edizione di RAID, ospitata nelle ex fabbriche di panettoni della Pasticceria G. Cova.

RAID

RAID è un format libero e antidogmatico, che prevede l’incursione di un gruppo selezionato di artisti in una location iconica e differente.

RAID intende essere un atto di offerta sull’altare della creatività. Un gesto libero, teorizzato e realizzato dall’Associazione Culturale Fat Ass.

RAID

Il progetto propugna l’autorialità dei singoli artisti e sostiene la necessità di riportare il punto di gravità sui produttori di significati e significanti; un format con sviluppo orizzontale, realizzato dagli artisti per gli artisti, scevro dalle dinamiche di mercato. Questo approccio solleva gli artisti da inutili fardelli esterni, fornendo loro la possibilità di offrire il proprio atto.

Questa edizione avrà luogo in una ex fabbrica di panettoni, la più tipica delle tradizioni dolciarie meneghine. Il contenitore incastona l’incursione in un apparato semantico dal forte impatto sociale, l’Alimentazione, e gli artisti sono tenuti ad interpretarne le varie sfaccettature concettuali.

RAID

Nell’arco di 6 ore realizzeranno un intervento coerente alla struttura semantica del progetto ed alla natura dello spazio. I materiali utilizzati possono essere recuperati in loco, ove possibile, o importati.

L’architettura dell’incursione è ripartita in due tranche di 6 ore: dalle 11:00 alle 17:00 verranno realizzati gli interventi visivi, mentre dalle 17:00 alle 23:00 la sperimentazione si allarga per la prima volta alle ricerche più attuali di contaminazione fra jazz ed elettronica, con tre live set e un concerto acustico conclusivo.

RAID

L’ingresso è aperto al pubblico e l’intero evento sarà fruibile via web nella modalità della diretta streaming: ogni artista sarà dotato di una webcam collegata ad un canale Youtube Live e la griglia dei canali è ospitata dal sito www.fatstudio.org, autore dell’intero progetto.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Articoli